Docente


Docente in PNL

La Programmazione NeuroLinguistica (PNL), non è una teoria, ma un modello in grado di decodificare il funzionamento del comportamento umano con lo scopo di aumentare e potenziare capacità personali e interattive. Infatti, al contrario della teoria che studia il perché un qualcosa funziona, il modello s’interessa al come funziona e al come poterlo riprodurre.

Neuro (dal greco neuron, nervo) sta ad indicare il principio secondo cui ogni comportamento risulta da processi neurologici.
Linguistico (dal latino lingua) indica che i processi neurali vengono rappresentati, ordinati e disposti in sequenza in modelli e strategie, attraverso il linguaggio e i sistemi di comunicazione.
Programmazione si riferisce al processo di organizzazione delle componenti del sistema (le rappresentazioni sensoriali) per il conseguimento dei risultati specifici.

Secondo la PNL ognuno di noi elabora la realtà a partire dalla propria percezione, quindi dalle informazioni che i suoi sensi sono in grado di fornirgli. In altri termini parliamo di una rappresentazione sensorialmente basata. I minimi comportamenti nei movimenti degli occhi, cambiamenti del colore della pelle, modificazioni del respiro danno importanti informazioni sulla persona e sui contenuti della sua comunicazione. Con la PNL si studia e si osserva non solo ciò che la persona fa o dice, ma ciò che essa esprime inconsciamente come manifestazione delle proprie emozioni intrinseche. In questo modo si può migliorare il proprio rapporto con gli altri, dopo aver migliorato il proprio rapporto con se stessi e questo grazie al linguaggio del corpo che permette di instaurare un rapport più efficace.

È importante sottolineare che la PNL non è un modello manipolativo in quanto le varie interpretazioni che spesso vengono date su di essa sono frutto di conoscenze ridotte  e da credenze molte volte insufflate da condizionamenti esterni. Dipende sempre da chi applica tale modello. Ritengo che ognuno di noi, indipendentemente dal tipo di approccio che utilizza, deve rispettare l’ecologia della persona che ha di fronte. In questo modo ogni approccio risulta essere ottimale per la risoluzione dei problemi.

Attraverso la Pnl ognuno di noi ha la possibilità, prima di tutto, di conoscere se stesso per poi riuscire a capire meglio gli altri. Quello che mi appassiona di tale modello che raccoglie gli aspetti linguistici, neurologici e psicologici è la possibilità di avere a disposizione una cassetta degli attrezzi da cui tirare fuori quelli più idonei da utilizzare a secondo del problema che abbiamo di fronte.